napoliI turisti sono molto attratti da Napoli e più o meno chiunque si trova nei pressi almeno una volta la va a visitare. Se chiedete ad uno straniero perché, probabilmente vi risponderà per la pizza e per le persone molto alla mano e ospitali, ma si sa che principalmente il motivo d’attrazione è la ricchezza culturale che i monumenti napoletani ci testimoniano.



Dunque oggi vediamo di delineare un itinerario che illustri e comprende i principali luoghi d’interesse napoletani.

Il luogo di partenza è la nota Piazza Garibaldi in cui confluisce Corso Umberto altrettanto famoso per la numerosa presenza di negozi firmati. Da qui ci dirigiamo verso via Duomo dove subito incontriamo il più importante fra gli edifici religiosi napoletani: la Cattedrale di Santa Maria Assunta (XIV secolo) è una fra le costruzioni più antiche che conosciamo per lo più con il nome di San Gennaro per via delle reliquie del santo custoditevi al quale i napoletani sono devotissimi. Si osservino dunque sulla controfacciata i sepolcri dei sovrani angioini, all’interno i dipinti di Luca Giordano e i busti dei vescovi della città, scolpiti tra il 600 e 700, il rilievo barocco con l'Assunta, di Pietro Bracci. Affianco alla basilica troviamo la Cappella del tesoro di San Gennaro dove appunto troviamo esposte le reliquie ed il sangue del santo.

Nei pressi (via dei Tribunali) si trovano altre bellissime chiese napoletane da visitare:

 Chiese di S. Lorenzo Maggiore (VI secolo d.C.) abbattuta nel XII secolo fu ricostruita per volere di Carlo I d'Angiò nel 1270. Si noti l’influenza dello stile barocco all’interno. In questa chiesa fu ospite il Petrarca e Boccaccio vi conobbe Fiammetta.

• La basilica e il complesso monastico di Santa Chiara (1310 – 1340) edificata su ordine di Roberto d'Angiò e della regina Sancha d'Aragona, l’interno è rigorosamente realizzato rispettando i canoni settecenteschi con influenze gotiche (Coro delle Clarisse). Al piano terra è visitabile il "chiostro delle Clarisse" con annesso "museo dell'Opera di Santa Chiara" che espone reperti archeologici e oggetti sacri.

Da qui proseguiamo verso un altro santuario situato nei pressi di una famosa strada dove si trovano esposti presepi di tutte le fogge e stili è infatti la via dei presepi: San Gregorio Armeno.
La chiesa risale al 930 d.C. e sorge sulle rovine di un tempio pagano; si noti il soffitto a cassettoni realizzato da Teodoro d’Errico nel 1580, L'Annunciazione di Pacecco De Rosa e la Vergine del Rosario di Nicola Malinconico.

Da visitare è anche la Napoli Sotterranea, un labirinto di cunicoli nei quali si snodano leggende e credenze.

Napoli-Sotterranea

Uno senz’altro fra i monumenti napoletani più suggestivi è la Cappella Sansevero (1749) attorno alla quale gravitano numerose leggende alimentate dagli straordinari capolavori scultorei custoditi all’interno: il Cristo Velato, ad esempio, una statua eseguita fin nel minimo dettaglio, tanto da sembrare che la persona sotto sia reale. Si parla infatti di mummificazioni, di patto con il diavolo che vede coinvolto il Principe Raimondo di Sangro che volle questa cappella e che pare sia l’artefice di queste "Macchine Anatomiche". Il Cristo velato è però attribuito a Giuseppe Sanmartino.

Molto importanti sono i siti archeologici napoletani quali: le catacombe di Napoli, i cimiteri sotterranei risalenti all’età classica, scavate nel tufo e il Cimitero delle Fontanelle un antico ossario che si sviluppa per circa 3.000 m2, possiamo osservare all’interno il Monacone una statua di San Vincenzo Ferrer decapitata che reca in mano un teschio.

Chiudiamo il nostro tour con degli splendidi esempi di architettura napoletana d’epoca:

• La chiesa del Gesù Nuovo (1470) contenente le reliquie di San Giuseppe Moscati

• Il Maschio Angioino (1266) voluto da Carlo I d’Angiò, quest’architettura s’ispira molto allo stile scultoreo dei romani. All’interno, sul lato verso il mare si trova la "Cappella palatina” che presenta solo alcuni resti dell'originaria decorazione affrescata e un ciborio di Iacopo della Pila, della fine del 400. E’ visitabile anche la sala dei Baroni affrescata sa Giotto nel 1330.

• Il Palazzo Reale che nel 600 fu la dimora del Re di Spagna, da visitare la Biblioteca Nazionale "Vittorio Emanuele" con testi ereditati dal Fondo Librario dei Farnese.

• Castel dell’Ovo chiamato così secondo una leggenda per cui Virgilio vi nascose all’interno un uovo che reggerebbe tutto l’edificio.

• Castel Capuano costruito nel 1153 da Guglielmo I come baluardo in difesa dell’entroterra di Napoli.


Offerte Viaggi Italia

image

Noleggio Auto

Prenota online la tua auto a noleggio in tutte le località del mondo  e risparmia fino al 10% Noleggio Auto

image

Pubblicità al tuo hotel!

Possiedi una struttura turistica? Inserisci il tuo alloggio .. Segnalala su Italiavai.com

image

Ti piace la montagna?

MontagnaVacanza.com portale turistico dedicato completamente alla montagna, consigli utili, piste da sci ..

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand